Guida al bonus mobili 2024: tutto quello che devi sapere per ottenerlo

Il bonus mobili è una detrazione IRPEF del 50% applicata sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Valido per tutti gli acquisti effettuati nel 2023, il finanziamento è stato mantenuto anche per l’ormai imminente 2024, a fronte però di una piccola variazione.

Se sei interessato a usufruire di questo bonus e vorresti conoscere i dettagli e le informazioni che lo riguardano, non ti resta che proseguire con la lettura della nostra guida al bonus mobili 2024, nella quale ti sveleremo cosa devi fare per ottenerlo.

SCARICA LA GUIDA GRATUITA

Cos’è il bonus mobili e chi può usufruirne

Come ti abbiamo già anticipato, il bonus mobili prevede uno sconto del 50% sulle spese sostenute in seguito all’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo degli immobili oggetto di ristrutturazione.

Per poterne usufruire, pertanto, è necessario che tu abbia dato il via a una serie di interventi edilizi, che possono comprendere:

  • una manutenzione straordinaria;
  • un restauro e/o un risanamento conservativo;
  • la ristrutturazione edilizia di singoli appartamenti;
  • la ricostruzione e/o il ripristino di un immobile danneggiato da calamità naturali, a patto che sia stato dichiarato lo stato di emergenza.

La detrazione, pertanto, copre la metà delle spese sostenute per tali interventi negli anni 2022 e 2023. Grazie alla recente legge di Bilancio, approvata lo scorso 16 ottobre, il bonus mobili è stato prorogato e reso valido anche per le spese sostenute nel 2024, seppure a fronte di un’importante variazione, che riguarda il tetto massimo di spesa previsto.

A partire dal 1° gennaio 2024, infatti, tale tetto scenderà da 8mila a 5mila euro. Ciò nonostante, se hai sostenuto i tuoi acquisti nel 2023 e riuscirai a completarli entro e non oltre il 31 dicembre, potrai ancora usufruire del tetto massimo di 8mila euro.

Questa modifica s’innesta all’interno di una scia di riduzione progressiva cominciata già nel 2021, quando l’importo del finanziamento era pari a 16mila euro: cifra che nel 2022 è scesa a 10mila, per poi ammontare a 8mila euro nel 2023.

Chi sono i beneficiari del bonus mobili?

I beneficiari dell’agevolazione devono essere persone fisiche residenti e non residenti in Italia, che hanno sostenuto (o dovranno sostenere) le spese di cui sopra al di fuori dell’attività d’impresa arti o professioni.

Poiché, come si è detto, l’acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici dev’essere finalizzato ad arredare un immobile oggetto di una ristrutturazione, la data d’inizio dei lavoro deve obbligatoriamente precedere quella relativa all’acquisto dei beni.

Per poter beneficiare del bonus mobili, inoltre, è ovviamente necessario che tali soggetti possiedano o detengano gli immobili che verranno arredati con i beni acquistati. Gli immobili devono quindi essere di proprietà dei soggetti o, in alternativa, essere oggetto di un diritto di godimento quale l’usufrutto, l’uso, l’abitazione o il diritto di superficie. Possono inoltre godere dell’agevolazione:

  • i detentori dell’immobile, come locatari e comodatari;
  • i familiari conviventi;
  • il coniuge separato e assegnatario dell’immobile;
  • i conviventi di fatto.

Attenzione, però! Nel caso in cui le spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio siano state sostenute soltanto da uno dei coniugi, mentre l’altro si è occupato esclusivamente di quelle relative all’arredo, il bonus mobili non spetta a nessuno dei due.

In aggiunta ai “casi standard”, tuttavia, vi sono alcuni casi particolari che meritano di essere menzionati, in quanto includono soggetti specifici che possono anch’essi usufruire del bonus mobili 2024, vale a dire:

  • i contribuenti che usufruiscono del sismabonus “ordinario”, per gli interventi finalizzati alla riduzione del rischio sismico, e del super sismabonus;
  • il contribuente che abbia sostenuto solo una parte delle spese relative agli interventi edilizi o che abbia pagato solo il compenso del professionista o gli oneri di urbanizzazione.

Come funziona il bonus mobili 2024

Come ti abbiamo già anticipato, il bonus mobili 2024 viene elargito a copertura del 50% delle spese relative a una serie di interventi mirati, che riguardano:

  • i lavori di manutenzione straordinaria;
  • il restauro e/o il risanamento conservativo di un edificio;
  • la ristrutturazione edilizia;
  • gli interventi volti al risanamento di un immobile danneggiato da calamità naturali.

In aggiunta ai suddetti, è possibile richiedere il finanziamento anche per i lavori di manutenzione ordinaria, a patto che riguardino le parti comuni di un edificio residenziale e non il singolo appartamento.

SCARICA LA GUIDA GRATUITA

Per quanto riguarda invece i mobili e gli elettrodomestici coperti dall’incentivo, deve ovviamente trattarsi di mobili nuovi e di grandi elettrodomestici nuovi in grado di rispecchiare specifici requisiti energetici, vale a dire:

  • forni di classe uguale o superiore alla A;
  • lavatrici, asciugatrici e lavastoviglie di classe uguale o superiore alla E;
  • frigoriferi e congelatori di classe uguale o superiore alla F.

È inoltre doveroso specificare che i mobili e gli elettrodomestici acquistati non devono necessariamente servire ad arredare l’immobile o l’ambiente oggetto dei lavori edilizi. Detto in altre parole: se la ristrutturazione riguarda il bagno, puoi comunque approfittare del bonus per l’acquisto di mobili destinati alla cucina.

Le date del bonus mobili 2024

Come ti abbiamo già spiegato, una conditio sine qua non per usufruire del bonus mobili 2024 prevede necessariamente che la data di inizio dei lavori preceda quella dell’acquisto dei beni. Ciò significa che:

  • per gli acquisti effettuati nel 2023, il bonus mobili spetta con interventi di ristrutturazione iniziati a partire dal 1° gennaio 2022;
  • per gli acquisti effettuati nel 2024, il bonus mobili spetta con interventi di ristrutturazione iniziati a partire dal 1° gennaio 2023.

Chiarito quest’ultimo punto, andiamo ora a vedere come accedere al bonus mobili.

Come accedere al bonus mobili 2024

Per usufruire del bonus mobili 2024, dovrai necessariamente conservare una serie di documenti in grado di certificare le spese sostenute. Tali documenti includono:

  • fatture o scontrini di acquisto recanti i dati identificativi dell’acquirente. Per gli scontrini è sufficiente che vi sia una riconducibilità al titolare della carta di credito o debito, in base alla corrispondenza dei dati del pagamento dei beni e la specificazione della natura, qualità e quantità dei beni acquistati;
  • l’attestazione del pagamento, tramite relativa ricevuta;
  • una documentazione che attesti la classe energetica dell’elettrodomestico o, in alternativa, una dichiarazione che certifichi che per il prodotto acquistato non è ancora previsto tale obbligo (esempio: per i piani di cottura ad incasso ancora non lo è);
  • le ricevute di avvenuta transazione per i pagamenti effettuati con carte di credito o debito e la relativa documentazione di addebito sul conto corrente;
  • un’autocertificazione attestante l’utilizzo dei beni nell’immobile oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia.

Per avere accesso al bonus mobili, i pagamenti devono necessariamente pervenire attraverso bonifico bancario o postale, o tramite carta di credito e debito, così da essere tracciabili.

Indicando le spese che hai sostenuto nella dichiarazione dei redditi, potrai quindi usufruire del bonus, che ti verrà pagato in 10 quote annuali di pari importo, a partire dall’anno in cui hai sostenuto le spese. Ti ricordiamo che non sono consentiti né lo sconto in fattura, né la cessione del credito.

Ottieni la casa dei tuoi sogni grazie al bonus mobili!

Ora che possiedi una panoramica chiara e precisa di come funziona il bonus mobili, dovresti essere in grado di coglierne l’immenso potenziale. Parliamo infatti di un incentivo che ti offre la possibilità di effettuare interventi edilizi alla metà del prezzo, in quanto il resto ti verrà finanziato dallo stato: dunque, perché non dovresti approfittarne?

Noi di Abitativo® siamo fermamente convinti del fatto che una casa sia tale soltanto se la senti veramente “tua”: se, cioè, ritieni che l’abitazione in cui vivi soddisfi al 100% tanto le tue necessità quanto i tuoi gusti. Quello che ti abbiamo descritto, tuttavia, si tratta di uno “stato di grazia” di cui non tutti possono disporre e il motivo, spesso e volentieri, è semplicemente dovuto al fatto che non si possiedono le risorse economiche per effettuare le migliorie necessarie.

Ed è proprio qui che entra in gioco il bonus mobili. Visto e considerato il gran numero di interventi edilizi che va a coprire, rappresenta una vera e propria ancora di salvezza per tutti coloro che hanno un sogno nel cassetto ma non dispongono dei soldi per poterlo realizzare.

Ebbene, usufruendo di questa agevolazione, il tuo sogno potrà diventare realtà! Grazie al sistema Abitativo®, siamo in grado di concretizzare qualsiasi progetto tu abbia in mente, a partire da una Diagnosi personalizzata del tuo caso, che ci aiuterà a capire come dev’essere la casa dei tuoi sogni.

Dunque che cosa aspetti? Approfitta della nostra guida al bonus mobili 2024 per tirare fuori dal cassetto quel sogno mai realizzato e che, grazie al nostro aiuto, si trasformerà in un progetto concreto! Scopri come facciamo scaricando la nostra guida gratuita:

SCARICA LA GUIDA GRATUITA