Illuminare il soggiorno: le soluzioni più eleganti e funzionali

illuminare soggiorno

Illuminare il soggiorno non è indubbiamente un compito da poco. Questa zona rappresenta infatti la parte più importante della casa, quella in cui accogliamo i nostri ospiti e nella quale ci concediamo il meritato relax dopo una dura giornata di lavoro. La sua illuminazione dovrebbe quindi assecondare tali necessità, valorizzando al contempo l’estetica generale dell’ambiente. La domanda è: come fare?

Proprio perché ci rendiamo conto delle difficoltà che potresti incontrare, noi di Abitativo® abbiamo raccolto per te i migliori consigli e soluzioni dedicati a come illuminare la zona living. Fermo restando il fatto che l’illuminazione di ogni ambiente della casa dovrebbe essere il risultato delle tue personali esigenze, attingere ai nostri spunti potrebbe comunque fornirti la giusta ispirazione, aiutandoti a trovare il progetto illuminotecnico perfetto per te!

SCARICA LA GUIDA GRATUITA

Come illuminare il soggiorno: le “regole” da seguire

Il progetto dell’illuminazione del soggiorno, per molti versi, non è differente rispetto a quello relativo all’illuminazione di qualsiasi altro ambiente della casa. L’obiettivo finale, del resto, è sempre lo stesso e consiste nel creare un ambiente funzionale, accogliente e adattabile alle diverse attività che si svolgono al suo interno. Basandoti su questo semplice ragionamento, pertanto, puoi già farti un’idea in merito al tipo di luci che dovrai installare.

Chiediti infatti quali sono le attività che svolgi nel living. Sei solito ricevere ospiti con frequenza? Lo usi solo per guardare la tv a fine giornata? Oppure lo sfrutti anche per svolgere una serie di attività collaterali come fare i conti, redigere la lista della spesa, ecc.? A seconda delle risposte che darai a queste domande, potrai iniziare a farti una panoramica più precisa dell’illuminazione che ti serve.

In linea di massima, ad ogni modo, la “regola” prevede di installare più fonti di luce contemporaneamente, il cui obiettivo dovrebbe per l’appunto essere quello di garantirti un apporto luminoso ogniqualvolta ti serve e a prescindere all’attività che stai svolgendo. Ecco perché, nell’ambito dell’illuminazione del soggiorno, vengono generalmente previste tre diverse tipologie di luci:

  • luce ambientale;
  • luce di supporto;
  • luce d’accento.

La prima tipologia di luce si riferisce all’illuminazione principale o diffusa: quella che, come s’intuisce chiaramente dal suo nome, serve per illuminare diffusamente l’intero ambiente. Per assolvere questo compito possono essere adottate diverse fonti luminose: dalle classiche plafoniere o lampadari a soffitto ai più discreti ed eleganti faretti a led.

La luce di supporto comprende invece quelle fonti d’illuminazione usate perlopiù per scopi pratici. Tornando all’esempio che ti abbiamo precedentemente proposto, se sei solito sfruttare il tavolino del soggiorno per fare i conti, ti servirà una luce che ti aiuti a vedere meglio, come una lampada da tavolo, che funga “da supporto” alle tue attività.

Per finire, la luce d’accento svolge invece una funzione puramente decorativa, in quanto il suo obiettivo è quello di valorizzare particolari zone della stanza che hai piacere a mettere in evidenza. A questo proposito, t’invitiamo a dare un’occhiata a questo progetto di Abitativo®, dove la luce d’accento è divenuta la protagonista del soggiorno:

illuminare soggiorno

Le discrete strisce a led posizionate sul soffitto e intorno al televisore hanno il potere di valorizzarlo enormemente, trasformandolo nel focus della stanza e contribuendo a migliorare l’estetica generale del living. Questo solo per dimostrarti che, se è vero che la luce d’accento non riveste alcun funzione pratica, può comunque fare la differenza tra un soggiorno anonimo e uno ricco di charme.

SCARICA LA GUIDA GRATUITA

Come ti abbiamo già spiegato, ad ogni modo, illuminare il soggiorno rappresenta un progetto estremamente personale. Se, per esempio, non fossi interessato alla luce d’accento, magari perché non c’è nulla che tu voglia valorizzare e preferisci mantenere un’atmosfera più semplice e uniforme, puoi tranquillamente evitarla.

Quelle che ti abbiamo suggerito, infatti, non sono certo regole da intendere alla lettera, quanto piuttosto delle semplici linee guida per darti un minimo di direzione, ma dalla quale puoi divergere quando e come vuoi. Ciò che conta, infatti, è il modo in cui vivi il soggiorno e come sei solito usarlo: ed è appunto su questo che dovresti basare l’intero progetto della sua illuminazione.

Illuminazione del soggiorno in base allo stile e all’arredamento

Illuminare il salone di casa significa anche tenere conto del suo stile d’arredamento e, in generale, dell’atmosfera che desideri creare. Questioni di questo tipo ti appariranno forse secondarie, ma ti assicuriamo che non lo sono affatto e il problema è che, se non ci pensi in fase di progettazione, rischi di accorgertene quando è ormai troppo tardi.

Immagina per esempio di esserti letteralmente innamorato di uno sfarzoso lampadario di cristallo adocchiato su un sito web d’arredamento, al punto da decidere di acquistarlo per il tuo soggiorno. Se l’hai già arredato con uno stile minimalista, tuttavia, rischieresti di creare il temuto effetto del “pugno in un occhio”, in quanto la sfarzosità del lampadario mal si sposerebbe con un arredamento votato all’essenzialità.

Con questo non intendiamo affatto dire che devi necessariamente optare per un arredamento perfettamente lineare e uniforme. Molte delle più suggestive soluzioni d’interior design puntano infatti sull’accostamento di elementi contrastanti: il segreto consiste solo nel sapere come realizzarlo. E, a tal proposito, torniamo nuovamente a esaminare il progetto di Abitativo® che ti abbiamo precedentemente menzionato.

illuminazione soggiorno

Come puoi osservare, il soggiorno in questione si presenta arredato in maniera particolarmente elegante, con materiali e tessuti ricercati, nonché accessori e decorazioni di un certo pregio. Ciò nonostante, come luce ambientale sono stati scelti dei semplici e discreti faretti a led, che vanno per l’appunto a creare un piacevole contrasto con l’opulenza degli arredi.

Completa l’opera la presenza di una grossa lampada orientabile che, oltre a fungere da perfetta luce di supporto, può sostituire la luce ambientale nei momenti in cui si desidera ricevere un maggior apporto luminoso.

illuminare soggiorno con lampada

Quello che ti abbiamo citato rappresenta soltanto un esempio di come illuminare il soggiorno. Il bello di questa stanza è dato proprio dalla sua grandissima versatilità che, se da un lato ti permette di sbizzarrirti nella scelta delle varie luci, dall’altro potrebbe anche metterti seriamente in difficoltà. Per tua fortuna, ad ogni modo, una soluzione c’è.

Come illuminare il soggiorno nel rispetto delle tue esigenze

Le idee per illuminare il soggiorno che ti abbiamo proposto rappresentano semplici spunti a puro scopo esemplificativo che, in quanto tali, potrebbero non rispecchiare affatto né i tuoi gusti, né le tue esigenze. Del resto, questo è il segreto alla base dell’illuminazione del soggiorno (e di qualsiasi altro progetto che coinvolga la tua casa): agire nel rispetto delle tue reali necessità, con l’obiettivo di ottenere un risultato che ti rispecchi veramente.

Questo è esattamente il modo in cui lavoriamo grazie ad Abitativo®: un sistema efficace e comprovato che, attraverso 12 step, è in grado di garantire progetti personalizzati e su misura, basati sui desideri e le necessità dei nostri clienti. Partendo da una Diagnosi iniziale, infatti, ci impegniamo a comprendere a fondo le preferenze degli abitanti della casa, trovando così soluzioni in grado di rispettarle appieno.

Quindi, ora che hai capito cosa significa illuminare il soggiorno e ti sei fatto un’idea dei fattori da tenere in considerazione, non ti resta che affidarti a noi per trasformare il tuo progetto in realtà, e goderti l’illuminazione che hai sempre sognato! Scopri come facciamo scaricando la nostra guida gratuita:

SCARICA LA GUIDA GRATUITA